Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

In arrivo interventi a sostegno di bar, ristoranti, gelaterie e locali con somministrazione di pasti e bevande.
La Giunta ha approvato le linee guida per facilitare, previa autorizzazione da parte dell’Ente, la possibilità di posare tavolini, ombrelloni, sedute ed in generale piccoli dehors o strutture amovibili su vie, piazze, strade, marciapiedi, aree di sosta e di parcheggio, per recuperare parte della capienza persa all’interno del locale a causa delle rigide regole di distanziamento e di contingentamento degli accessi, necessarie al fine di ridurre il rischio del contagio da Covid-19.

“Tutti gli esercenti che somministrano pasti e bevande - dichiara l’assessore alle attività produttive e al commercio Salvatore Gattuso - potranno utilizzare i nuovi spazi (anche coloro che già sono in possesso di un’autorizzazione) davanti o vicino al proprio negozio, a titolo completamente gratuito, dall’1 maggio al 31 ottobre 2020. In questo modo non solo si offrirà un aiuto economico in un momento di difficoltà, ma anche le autorizzazioni saranno rilasciate in tempi ridotti, incentivando e sostenendo la ripresa immediata delle attività ormai ferme da più di due mesi”.

Tutte le domande di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico o di ampliamento delle superfici già concesse potranno essere inviate in Comune, insieme alla planimetria degli spazi, per permettere all’amministrazione di valutarle e autorizzarle. Sarà cura degli uffici verificare che vi siano le condizioni di sicurezza necessarie per delimitare l’area, rendendola – se possibile – pedonale oppure riducendo il traffico veicolare.

L’Ente, derogando ad alcune prescrizioni di tipo amministrativo, potrà concedere l’occupazione anche in aree non strettamente limitrofe al locale e, previo consenso di gestori o proprietari di negozi vicini, anche in spazi in prossimità di altre attività.

Nell’ottica di venire incontro al maggior numero di attività possibile, l’amministrazione ha dato la disponibilità a valutare altre forme di sostegno, attraverso l’erogazione di contributi o interventi diretti, nei contesti in cui l’utilizzo degli spazi fosse più problematico a causa di condizioni di sicurezza più precarie.

Per informazioni 02 48694 626 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domanda semplificata valida fino al 31 ottobre 2020.