Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

PAGAMENTO SANZIONI

Nella sezione “VISUALIZZA VIOLAZIONE” si possono consultare tutti i documenti relativi ai verbali di violazione al C.d.S

Modalità di pagamento disponibili:

  1. All’Ufficio postale mediante versamento su C/C postale n. 24721201 tramite bollettino già allegato al preavviso o al verbale di accertamento.
  2. Presso l’Ufficio verbali nei giorni e negli orari di apertura al pubblico
  3. Tramite IBAN: IT06M0760101600000024721201
  4. Direttamente da “Visualizza Violazione”, durante la consultazione del verbale, si renderà disponibile il servizio di pagamento tramite carta di credito attraverso il sistema nazionale PagoPA.

N.B.: Chi effettua il pagamento tramite Ufficio Postale, senza utilizzare il modulo allegato, deve inserire nella causale la data dell’infrazione e il numero del verbale. Le ricevute dell’avvenuto pagamento vanno conservate per 5 anni dalla notifica. Il diritto di riscossione, infatti, si prescrive in 5 anni. Possono intervenire vari motivi che interrompono questo termine, togliendo valore al periodo di prescrizione eventualmente già trascorso.

I motivi possono essere:

  • • la notifica del verbale;
  • • la notifica della cartella esattoriale;
  • • il ricorso amministrativo contro il verbale di accertamento.

Termini di pagamento

L'interessato ha 60 giorni di tempo dalla data della contestazione immediata, o dalla notifica, per il pagamento.

La Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il decreto del Fare, che ora è quindi legge dello Stato. La conseguenza per gli automobilisti incappati in una contravvenzione è che possono ottenere uno sconto del 30 per cento sulla sanzione minima prevista se pagano la multa entro cinque giorni. I cinque giorni di tempo decorrono dal momento della contestazione (quindi se l’automobilista viene fermato e contravvenzionato dalle forze dell’ordine) oppure da quello della notifica, quindi dall’arrivo della contravvenzione al domicilio dell’automobilista proprietario della vettura multata, in questo caso le spese di notifica si dovranno pagare per intero